giovedì 3 giugno 2010

"DE PADRE IN FIJO"


Se torno un poco indietro co' la mente
rivedo, come tante foto mosse
le immagini de tanta tanta gente
avvolta in quelle sciarpe giallorosse.

La mano a papà mio strignevo forte
mentre annavamo pe' via dei Gladiatori
c'avevo du' gambette corte corte
e dentro a me pensavo: "daje cori".

Allora me chiedeva con orgojo:
"che famo? Annamo sulla Montagnola?"
e intanto preparava er portafojo:
a lui er Borghetti e a me 'na Coca Cola.

Poi se girava e me guardava er viso,
cambiava strada e annava ar botteghino,
nun posso mai scordamme quer soriso
pe' avè fatto felice un ragazzino.

Come faccio a descrive st'emozione,
a divve che c'avevo pe' la testa,
co' l'occhi appiccicati a quer pallone
aspettanno er tiro giusto pe' fa festa.

Quant'anni so' passati da quer giorno.
Quante majette, quanti giocatori;
ar Circo Massimo quante persone attorno
mischianno gioie assieme coi dolori.

Però 'na cosa è rimasta come prima,
e me fa batte er core anche più forte:
mo tocca a me tene' quella manina
che me viè dietro co' du' gambe corte.

E' un sogno che s'avvera un po' pe' vorta,
porta' mi fijo dentro a quello stadio,
spiegaje chi è che sta tiranno in porta,
faje sentì Carletto nella radio.

La vita a me m'ha dato prorio tanto,
c'ho un lavoro, na moje, un ragazzino
che me vo' bene e me se mette accanto
quanno je parlo de Conti o der Divino.

E se un giorno er Signore me vorà
vojo mi fijo accanto e pure in coma
je vojo sentì dì du' cose sole:
papà te vojo bene e FORZA ROMA!!!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Era questo. :-)
Co sti diti... :-)

Nenufero ha detto...

che se impicciano...:-D